Paolo Colagrande, Fìdeg

By 5 gennaio 2008Libri

Fìdeg

Non è per tutti questo piacentinissimo e un po’ ubertoso romanzo aperto. Non è per il lettore critico, che non troverebbe mai una fine né apprezzerebbe certo righi e righi oziosi e ripetitivi a descrivere un concetto. Non è per chi ha difficoltà linguistiche, per il lessico importante, a volte ardito (incomprensibile?). È per chi, a cominciare dal lettore semantico (d’altronde lo dice l’autore stesso) per arrivare a tutti i piacentini, ama ridere (anche di se stesso) e fare un po’ di sana autocritica.

Leave a Reply