Ian Mc Ewan, Espiazione

By 27 ottobre 2007Libri

Espiazione

Parte duro, difficile. Stanca, anzi no, annoia proprio.
Per certi versi, in questo, mi ricorda “La famiglia Winshaw” di Jonathan Coe.
Ma qui si ritrovano panorami troppo ampi, giri e rigiri della storia vista dagli occhi dei tre protagonisti e una intensa, infinita, quasi odiosa descrizione della scena.
Eppure il testo si muove, sempre impastato, verso la forma piena; prende corpo un poco alla volta in una narrazione ricca e vigorosa, fino eccessiva. Si lascia perfino inutire in qualche breve passo e, ad un tratto… esplode.
E cento pagine si leggono in un fiato, saltando le righe.
Poi si va per una diversa strada letteraria verso una lunga, inaudita e ingloriosa espiazione.
Impossibile.
Ma non ci interessa perché il romanzo rinasce e svela tutto di sé.

Leave a Reply