Job act

By 10 gennaio 2014Pensiero

È per inciampo che mi avvicino alla tua storia, ma non è forse così ogni volta?
Non mi preoccupo di questo.
Mi spiazza la certezza che nell’accostarmi io possa essere per te la Storia.
E se non riesco, non fosse altro perché non ho provato tutto il possibile;
per pigrizia, imperizia, stanchezza, incertezza: muoio.
Io.
Mi auto-celebro il processo sulla intenzione.
Mi condanno: colposo.
Se sono bravo, invece, sei salvo.
Una donna sorride.
Un bimbo corre.
Non lo facessi io, ci sarebbe un altro?
Chissà.
Ma è di me che si sta parlando, ne sono fiero.
Dell’impegno e del coraggio.
Se manterrai la vita, sulla mia parola, non chiederò altro.

Leave a Reply