Ancora Radiohead

DabeInternetLeave a Comment

Dopo il clamoroso successo di ascolta e paga quello che vuoi, i Radiohead sono tornati con un iniziativa avvenieristica: hanno girato (parola grossa, visto che non sono state utilizzate videocamere né cineprese) il primo video in realtà virtualizzata di cui io sia a conoscenza. Dopo Second Life, un nuovo passo verso The Matrix? http://code.google.com/creative/radiohead/

Che cosa vuoi?

Dabe1 Comment

Che cosa vuoi? Che cosa vuoi dalla tua vita? Che cosa vuoi da te stesso? Che cosa vuoi dagli altri? Pensa. Pensa da fermo. Pensa a quello che veramente vuoi. Pensa che è molto complicato per alcuni e solo apparentemente facile per altri. Non ti fermare. Non ti fermare alla prima strada, né alla seconda, né alla terza. Non ti fermare all’apparenza di ciò che vuoi. Non ti fermare all’oggi ma non preoccuparti solo del domani. Scava. Scava fino in fondo per trovare quella radice essenziale che fa di te un’anima. Scava oltre tutti i rami, le derive, i falsi progetti. Scava come puoi, con … Read More

Nuova carriera?

DabeLeave a Comment

A pagina 14 di Libertà del 30/06/2008 è stata pubblicata (a mia insaputa e leggermente ritagliata) una foto scattata da me nell’estate del 2005 a Colonia in occasione della Giornata mondiale della gioventù. Che sia l’inizio di una nuova carriera da paparazzo?

Camera Toss

DabeLeave a Comment

Mettevi in un luogo buio con qualche luce sullo sfondo o accanto a voi, impostate il tempo di scatto della vostra fotocamera a 2″, scattate e… lanciatela in aria! Senza parole, guardate… http://www.flickr.com/groups/cameratoss/pool/ Anch’io c’ho provato ma il risultato non è stato un granché.

Musica Legale

DabeInternet1 Comment

Dopo il clamoroso evento della pubblicazione dell’album dei Radiohead del quale potete leggere qui, qualcosa si muove nel mondo delle major discografiche per una fruizione più semplice (e meno onerosa) del contenuto artistico-musicale. Un esempio è il nuovo singolo dei Coldplay: “Violet Hill” che è rimasto liberamente scaricabile dall’home page del loro sito per una settimana. Ancora più interessante il progetto di Nokia che punta a vendere telefonini con incluso nel prezzo un anno intero di download gratuiti di contenuto musicale. Riporto un estratto dal comunicato stampa: Nokia unveils “Comes With Music” During the event the company announced Nokia Comes With Music, a revolutionary program … Read More

La paura

DabePensiero1 Comment

È la paura, maledizione, sempre quella. Ma sono io per primo ad avercela questa paura, sono io che, disincantato ho perso la fiducia nell’umanità. Sono io che a volte ho il cuore drogato ma a giorni, duro e freddo più del ghiaccio. L’ho avuta questa paura. L’ho superata questa paura. L’ho superata più volte e dove mi ha portato? Cosa mi ha portato? Me l’ha donata quella magia? Mi ha fatto incontrare te? Ho vissuto anni di universi paralleli e mi ci sono perso. Sono stanco di perdermi per questa paura. La verità è che sono stanco di cercarmi, di questo. Mi sbatto, mi agito, … Read More

Juno

Dabe2 Comments

In my opinion, the best thing you can do is to find a person who loves you for exactly what you are. Good mood, bad mood, ugly, pretty, handsome, what have you, the right person will still think that the sun shines out your ass. That’s the kind of person that’s worth sticking with.       Merita…

Onora il padre e la madre

DabeLeave a Comment

  Onora il padre e la madre è un bel film. Andatelo a vedere. Anche se odiate quel genere di film che cominciano dalla fine. Ricorda nel montaggio, uno dei film più belli del genere (sempre riguardo il montaggio): Pulp fiction. La storia è appassionante, ma lo storytelling guadagna moltissimo dalla sequenza di narrazione e il contenuto si apprezza. PS Il titolo è anche un ottimo consiglio…      

Dove tutto inizia e tutto ha fine

DabePensiero, Pensiero2 Comments

Vigo è così: un luogo dove tutto ha inizio e tutto ha fine. Un altro posto così per me non esiste, ciò che vivi qua, qua rimane. Di questa valle porti in città il cielo, il ricordo, l’amicizia, l’amore, il sogno, gli occhi degli amici, i venticinque gradi del refettorio in pieno inverno, le pizze scippate al controllo del don, il brivido della montagna, il fulmine, l’acqua della fontana, il lume fuggitivo, la pelle bruciata di un giorno di luglio, il resto-governo, la cappellina che non c’è più. Ma qualcosa rimane qua. Se lo prende la casa. Lo pretende. Lo tiene per sé, in sé. … Read More